Scaloppine di pollo ai funghi porcini con speck e formaggio…

Finalmente sono arrivati i funghi Porcini…ieri sera mega trifolatura, piccolo assaggio notturno e via in frigo senza pensare a come accompagnarli il giorno dopo. Oggi ho pensato a come farli e dopo tante idee, mi è venuta in mente questa gustosissima ricetta. Buona giornata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
600 g di petto di pollo
400 g di funghi porcini freschi
100 g di Edamer
100 g di speck
1/2 bicchiere di birra chiara
20 g di prezzemolo
50 g di farina di semola
15 g di burro
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Pulite bene i funghi e fateli a fette. Mettete uno spicchio d’aglio in padella con un filo d’olio e fate soffriggere. Aggiungete i funghi porcini e lasciate cuocere 5 minuti, sfumate con la birra chiara e lasciate cuocere altri 10 minuti. Spegnete la fiamma, aggiungete il prezzemolo e mettete da parte.

Prendete il petto di pollo, tagliatelo a fette sottili e aggiungeteci sopra una fetta di speck facendola aderire bene alla carne. Impannate leggermente le fettine di pollo e speck con la farina di semola.

Mettete il burro e un filo d’olio in padella, quando sarà sciolto aggiungeteci le fettine impanate con la parte dello speck verso l’alto e fate cuocere tre minuti. Girate dall’altro lato e cuocete altri tre minuti.

Rigirate la carne, aggiustate di sale, pepe e sfumate con la birra. Lasciate sfumare e aggiungete l’Edamer e i funghi porcini sulla carne.

Coprite con un coperchio e lasciate cuocere altri 5 minuti a fiamma bassa. Spegnete la fiamma e servite caldo.

Buon Appetito

   
    
    
    
    
    
 

Annunci

Petto di pollo al timo, birra e speck croccante…

Ma scusate, domani è già ferragosto??? Forse non essendo in “piene ferie” non lo sento così vicino… Oggi vi consiglio una ricetta molto semplice e gustosa. Prendete del buon pollo, timo fresco e dell’ottimo speck e il piatto magicamente si comporrà sotto i vostri occhi…Buon weekend a tutti.

Ingredienti per 4 persone
500 g di petto di pollo a fette
50 g di speck
2 ramettini di timo fresco
1 bicchiere di birra doppio malto
20 g d’olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Tagliate il pollo a striscioline e mettetelo in una bacinella. Aggiungete l’olio evo, il timo fresco, un pizzico di sale, pepe. Mescolate bene e mettete a marinare per 2 ore in frigo.

Scaldate una padella, aggiungete lo speck tagliato a cubetti e lasciate dorare. Aggiungete la carne insieme alla marinatura e fate colorire 2 minuti per lato.

Sfumate con la birra doppio malto, coprite subito con il coperchio e fate cuocere per 10 minuti a fiamma bassa.

Togliete il coperchio, controllate che la carne sia diventata tenera e servite, magari accompagnando il tutto con dell’insalatina e pomodorini.

…Buon Appetito…

IMG_0189

IMG_0180

IMG_0182

IMG_0183

IMG_0185

Risotto al sapore di Gewurztraminer con mela, speck e tomino…

Un risotto leggero, saporito e devo dire che può starci anche d’estate…Mela e speck? Un agrodolce davvero azzeccato…provate…buona giornata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400g di riso carnaroli
1 mela golden
4 tomini
100 g di speck trentino
1 bicchiere di Gewurztraminer
Olio evo

Per il brodo di carne leggero

Preparazione
Preparate il brodo di carne leggero

Tagliate il tomino a metà per orizzontale, con un cucchiaino togliete il suo cuore cremoso e mettete da parte.

Tagliate lo speck a listarelle sottili e fatelo dorare in una padella dai bordi alti con 4 cucchiai d’olio evo.

Sbucciate la mela, tagliatela a cubetti piccoli eliminando il torsolo e aggiungetela allo speck. Lasciate cuocere 3 minuti, sfumate con il Gewurztraminer e fate sfumare leggermente a fiamma bassa. Togliete la mela e lo speck con l’aiuto di una schiumarola e lasciate sfumare altri 30 secondi circa.

Versate il riso e tostatelo per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di carne leggero e terminate la cottura continuando a versarne poco alla volta.

A metà cottura ricordatevi di aggiungere la mela e lo speck precedentemente cotti.

Quando il riso sarà cotto, naturalmente al dente, aggiungete il cuore cremoso del tomino, un filo d’olio a filo e mantecate per due minuti energicamente. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Servite usando la parte inutilizzata del tomino come piatto, quindi metteteci dentro il riso e coprite con l’altro pezzo di tomino (la mia foto non rende giustizia, scusate).

…Buon Appetito…

                

Gnocchi di bietola e patate ripieni di speck e scamorza…

Finalmente ho utilizzato la planetaria e indovinate per cosa? Gli gnocchi…devo essere sincero, è stata una fantastica esperienza e le mie mani non erano tutte appiccicose. Comoda e molto utile, me ne sono innamorato…pensate che la mia ragazza mi ha fatto notare che mentre era in funzione l’accarezzavo e gli facevo i complimenti, sarò normale? Mi ha persino detto:”Dato che ci sei portala anche a letto” ed io ho risposto:”Davvero!”. Comunque ottimi gnocchi e ottimo ripieno.

Ingredienti per 8 persone
1 kg di patate
350 g di farina tipo OO
300 g di foglie di bietola
1 uovo grande
sale

Per il ripieno
150 g di speck in una fetta
100 g di scamorza
50 g di parmigiano reggiano
1 uovo

Preparazione
Pulite le patate e senza sbucciarle mettetele in una padella piena di acqua fredda. Fatele bollire per 30/40 minuti in base alla dimensione della patate (dovranno avere tutte la stessa dimensione). Quando saranno cotte togliete la buccia senza farle raffreddare e con lo schiacciapatate schiacciatele nella bacinella della planetaria o ciotola per chi impasta a mano.

Tagliate lo speck a cubetti, fatelo saltare in padella senza aggiunta di grassi e quando sarò dorato toglietelo dal fuoco e fatelo raffreddare. Prendete il mixer aggiungete lo speck dorato, la scamorza e tritate finemente. Trasferite in una bacinella, aggiungete un uovo, il formaggio e mischiate bene.

Fate bollire in una pentola abbondante acqua poco salata e fateci bollire le bietole per 5 minuti. Scolatele, fatele raffreddare, strizzatele bene e tritatele fini con il mixer a immersione aggiungendo un filo d’olio.

Nella bacinella della planetaria (oppure in una bacinella capiente) dove avete schiacciato le patate aggiungete la farina setacciata, l’uovo, le bietole e un pizzico di sale. Azionate la planetaria massimo a 3 e fate amalgamare bene tutti gli ingredienti per 5 minuti fino ad ottenere un composto solido e morbido (altro lavoro per chi impasta a mano).

Sulla spianatoia mettete un po’ di farina e formate delle palline di circa 2 cm di diametro, schiacciatele sul tavolo formando dei dischi, aggiungete il ripieno di speck e scamorza e richiudete formando nuovamente delle palline. Riponetele su di un vassoio infarinato per non farli attaccare.

Gli gnocchi dovrete lessarli in abbondante acqua salata fino a che non vengono a galla.

Consiglio di mangiarli con del semplice burro fuso e salvia.

…Buon Appetito…

IMG_6594

IMG_6595

IMG_6588

IMG_6591

IMG_6592

Spèzzol (Spätzle) di spinaci con panna e speck…

Per la prima volta da quando scrivo il mio blog mi sono trovato in difficoltà con una ricetta. Ho dovuto provare e riprovare più volte prima di arrivare all’ambito traguardo “mangio-spätzle”… In realtà non sono usciti come mi aspettavo, ma però devo ammettere che erano buoni lo stesso. Non ero a casa mia a cucinare e quindi ho avuto problemi tecnici tra cui la mancanza di una bilancia “seria” e un mixer con lame poco taglienti (erano tipo quelle delle cucine giocattolo)…rimedio? Misurini vari e calcoli matematici-culinari al quanto bizzarri…per questo le mie dosi vengono precedute da un “circa” …perdonate…

Ingredienti
Speck
Panna
Parmigiano reggiano
Burro

per gli Spätzle
Spinaci lessati e strizzati 150 gr circa
Uova 3
Acqua 100 ml circa
Farina 280 gr circa
Parmigiano reggiano 20 gr

Preparazione
Fate bollire abbondante acqua salata.

Mettete gli spinaci, le uova, l’acqua e il sale nel mixer. Frullate fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Trasferite il composto in una bacinella, aggiungete poco alla volta la farina e il parmigiano amalgamando bene tutto. Dovrete ottenere un composto abbastanza molle e colloso. Lasciate riposare per 20 minuti fuori dal frigo.

Mettete poco burro in una padella e fateci dorare lo speck. Aggiungete la panna e quando starà bollendo aggiungete una manciata di grana. Spegnete e mettete da parte. Se volete salare fatelo poco perché lo speck e il grana sono già molto saporiti.

Ora arriva la parte più difficile e divertente. Prendete il composto degli spätzle e mettetelo nella apposita grattugia (vedete foto) o in uno schiaccia patate a trama larga. Ora create i vostri gnocchetti, facendoli cadere direttamente nella pentola con l’acqua in ebollizione. Appena salgono a galla sono cotti. Scolateli e fateli saltare nella padella con il sugo.

Impiattate e spolverate di parmigiano.

…Buon appetito…

N.b. Regolate voi la quantità di farina per ottenere uno spätzle più o meno morbido…l’importante è che passi dai buchi della grattugia…

20140718-131622-47782130.jpg

71VDO72eveL._SL1500_

Non è il solito fegato alla Veneziana…cambio tutto…

Ecco cosa direbbero i grandi chef della mia ricetta di oggi: “Questa di oggi è la scomposizione di un piatto classico rivisitata in chiave post-rustica rinascimentale”. Per me è semplicemente un piatto che ho già mangiato e cucinato a cui manca quel qualcosa che lo renda unico nel suo genere…per questo ho rivisto l’ingrediente chiave, sostituendo il fegato di vitello con quello di coniglio e ho aggiunto patate e pancetta come se fosse il classico coniglio a pezzi della nonna…l’ho impannato con farina di semola rimacinata…ma il tocco speciale è la birra che usata per marinare toglie quel retrogusto amarognolo e ferroso del fegato…so che sarà una ricetta apprezzata solo dal 10% di voi, ma sapete i gusti sono i gusti e i miei a volte sono molto complicati…

Ingredienti
Fegato di coniglio
Birra Menabrea
Patata a pasta gialla
Cipolla bianca
Pancetta affumicata
Farina di semola rimacinata
Rosmarino
Salvia
Basilico
Cipolla dorata
Burro
Olio

Preparazione
Mettete due foglie di salvia, un rametto di rosmarino e il basilico in una bacinella. Aggiungete la birra e lasciate insaporire in frigo per almeno 4 ore.

Pulite il fegato eliminando eventuale grasso. Tagliatelo a striscioline e mettetelo a marinare nella bacinella con la birra spezziata per almeno 3 ore in frigo.

Fate dorare la cipolla in due cucchiai d’olio, aggiungete un mestolo della marinatura del fegato e lasciate
stufare a fiamma bassa per 15 minuti (dovranno diventare morbidissime).

Scolate bene il fegato dalla marinatura e infarinatelo con la farina di semola rimacinata eliminando quella in eccesso. Fatelo cuocere in una padella con due noci di burro e un filo d’olio. Il tempo di cottura varia in base al proprio gusto, io lo faccio cuocere 6/8 minuti a fiamma bassa.

Mettete una padella sul fuoco con una noce di burro e un filo d’olio. Fateci dorare la pancetta tagliata a dadini e aggiungete le patate tagliate a fiammifero. Fate cuocere per 5 minuti, dovranno rimanere croccanti e prendere la forma di un rosti…

Componete il piatto con il rosti di patate e pancetta alla base, il fegato alla birra spezziata in centro e le cipolle sopra…

…Buon appetito…

20140715-205703-75423992.jpg