Sono tornato…

Buonasera a tutti.Devo ammettere che in questi ultimi mesi ho trovato diverse difficoltà nel cucinare.
Non perché avessi perso il tocco ma semplicemente perché ho deciso, per dovere e volontà, di fare una dieta dimagrante per riuscire a smaltire quella decina di chili in eccesso che iniziavano a farsi sentire troppo sulla salute e sull’umore.

E così mi sono infilato nelle scarpe da ginnastica, ho segregato la birra in cantina e ho iniziato il mio percorso, consapevole che sarebbe stato pieno di sacrifici.

Per i primi due mesi ho, letteralmente, perso la mia cucina e il mio modo di cucinare perché mi sono dedicato completamente al rito dell’insalatina, del riso bollito e delle carni bianche.

Ma devo anche ammettere che i risultati non sono tardati ad arrivare anche se mi apparivano sempre incompleti e accompagnati da un senso di stanchezza fisica e mentale.

Totalmente spossato e, a tratti, vuoto, ho dato una sferzata decisa e mi sono rivolto ad una giovane dietista, Sara Paris, che, per fortuna, è riuscita a riportarmi sulla retta via facendomi riscoprire il valore del cibo e che non servono, alla fine, tanti sacrifici per tornare in forma; basta moderarsi e non dimenticarsi di cedere, ogni tanto, alle tentazioni.

Ed eccomi qui, ora, a riflettere su questo mio percorso.

Mi domando il perché abbia dovuto soffermarmi un attimo a riflettere e poi scrivervi i miei pensieri.

Forse, devo confessare a qualcuno un mio errore, un errore non di certo trascurabile…

Quest’oggi ho finalmente cucinato e sono tornato ad usare il burro, il formaggio, la carne, le uova, il farro e altre cose che ho trovato nel frigorifero.

E sono contento.
Sono contento perché oggi, proprio come due anni esatti fa, sono tornato a sperimentare e a cucinare per e con passione, proprio come facevo quando ho deciso di aprire questo blog.

Ed è questo l’errore che mi sono accorto di aver commesso in questo periodo. Avevo smesso di cucinare per davvero.

Anche se, tecnicamente lo facevo, cercavo di non pensarci, ma ogni volta che tagliavo un pomodoro o condivo l’insalata sognavo di preparare un buffet per 100 persone.

Bè, dicono che dagli errori si impara, no?

E allora, se vale una mia promessa, vi e mi prometto di non abbandonare più la cucina e, soprattutto, non abbandonerò più il mio modo di cucinare e ricomincerò a rendervi partecipi delle mie ricette.

Grazie e buona serata…

Annunci