Risotto con poco pomodoro, bufala e crudo…

Come vi ho promesso circa un mese fa, oggi riaprono le porte del blog culinario, non pubblicherò ricette tutti i giorni ma cercherò comunque di mantenere una certa costanza. Come sapete oggi è il 1 d’Aprile, ma purtroppo in pescheria era terminato il “famoso pesce”, quindi ho pensato di partire con una bella “Bufala”… Risotto con poco pomodoro, mozzarella di bufala e prosciutto crudo…insomma, una sorta di rito propiziatorio per una bella e calda primavera…quindi ben tornato a me…e a voi…

Ingredienti
400 g di riso carnaroli
150 g di mozzarella di bufala
100 g di prosciutto crudo a fette
10 g di burro
1/2 cipolla bianca
1 bicchiere di prosecco
Olio evo

Brodo pomodoro e aglio
4 pomodori ramati
1 spicchio d’aglio
Sale grosso

Preparazione
Preparate il brodo mettendo un filo d’olio in una padella dai bordi alti, fate rosolare l’aglio schiacciato e aggiungete i pomodori tagliati a pezzettini. Dopo qualche minuto aggiungete all’incirca 1,5 l di acqua ghiacciata e una presa di sale grosso. Lasciate cuocere 10 minuti dalla ripresa del bollore.

Mettete un filo d’olio e metà burro in una casseruola. Aggiungete la cipolla tritata fine e fate soffriggere. Sfumate con il vino bianco e togliete quasi subito la cipolla con una schiumarola lasciando l’intingolo all’ineterno.

Fate tostare il riso per due minuti girandolo in continuazione. Aggiungete il brodo poco alla volta fino ad arrivare a cottura girandolo costantemente e con molta delicatezza.

Quando il risotto sarò cotto, naturalmente al dente, togliete la casseruola dalla fiamma, aggiungete la mozzarella di bufala a cubetti, il restante burro e mantecate energicamente aggiungendo un filo d’olio a filo per due minuti.

Coprite la casseruola con un coperchio e fate riposare per altri 2 minuti.

Servite il risotto aggiungendo due fette di prosciutto crudo e dei cubetti di bufala.

…Buon Appetito…

IMG_3586

IMG_3591

Annunci

Risotto con tartufo nero estivo e battuta di scampi mantecato con burratina ed olio extravergine al tartufo bianco d’alba…

Buona domenica a tutti, oggi partiamo alla grande con una delle mie specialità, i risotti. Questa ricetta non è tra le più economiche, ma neanche tra le più costose. Sentendo la parola tartufi, molte persone, arricciano il naso, non sapendo che esistono diversi tipi di tartufi e non tutti sono costosissimi. Se comunque ritenete il prezzo troppo alto, potete sempre optare su degli ottimi oli e burri tartufati in commercio, come ho fatto io in questa ricetta. Quindi mano ai fornelli e prepariamo questo fantastico risotto.

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
8 scampi grandi freschi
100 g di burratina pugliese
50 g di tartufo nero estivo
50 ml di olio evo al tartufo bianco d’Alba
1/2 bicchiere di vino bianco
Aglio
Sale

Preparazione
Pulite gli scampi eliminando testa e guscio. Batteteli a coltello finemente, metteteli in una bacinella con un due cucchiaini d’olio evo al tartufo bianco d’Alba e fateli marinare in frigo per 10 minuti.

Preparate un leggero brodo di crostacei mettendo in una pentola colma d’acqua gli scarti degli scampi, l’aglio, poco sale grosso e un filo d’olio evo. Fate cuocere 30 minuti circa a fiamma bassissima.

Tagliate la metà dei tartufi neri estivi a rondelle e fateli soffriggere in 4 cucchiai d’olio evo con uno spicchio d’aglio. Quando saranno croccanti toglieteli dalla padella insieme all’aglio e sfumate l’intingolo rimasto in padella con il vino bianco stando attenti agli schizzi.

Quando il vino sarà sfumato quasi del tutto, fateci tostare il riso per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di crostacei e terminate la cottura continuando a versarne poco alla volta e mescolando bene.

Verso la fine della cottura aggiungete i tartufi precedentemente soffritti e mescolate bene.

Quando il riso sarà cotto, aggiungete la burratina spezzettata grossolanamente e mantecate per due minuti energicamente, aggiungendo a filo il restante olio evo al tartufo bianco d’Alba. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Mettetete il risotto su di un piatto, sopra la battuta di scampi e infine una grattugiata di tartufo nero estivo.

…Buon Appetito…

IMG_0721

IMG_0697

IMG_0698

IMG_0700

IMG_0703

IMG_0705

IMG_0708

IMG_0710

IMG_0714

IMG_0716

Risotto al sapore di Gewurztraminer con mela, speck e tomino…

Un risotto leggero, saporito e devo dire che può starci anche d’estate…Mela e speck? Un agrodolce davvero azzeccato…provate…buona giornata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400g di riso carnaroli
1 mela golden
4 tomini
100 g di speck trentino
1 bicchiere di Gewurztraminer
Olio evo

Per il brodo di carne leggero

Preparazione
Preparate il brodo di carne leggero

Tagliate il tomino a metà per orizzontale, con un cucchiaino togliete il suo cuore cremoso e mettete da parte.

Tagliate lo speck a listarelle sottili e fatelo dorare in una padella dai bordi alti con 4 cucchiai d’olio evo.

Sbucciate la mela, tagliatela a cubetti piccoli eliminando il torsolo e aggiungetela allo speck. Lasciate cuocere 3 minuti, sfumate con il Gewurztraminer e fate sfumare leggermente a fiamma bassa. Togliete la mela e lo speck con l’aiuto di una schiumarola e lasciate sfumare altri 30 secondi circa.

Versate il riso e tostatelo per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di carne leggero e terminate la cottura continuando a versarne poco alla volta.

A metà cottura ricordatevi di aggiungere la mela e lo speck precedentemente cotti.

Quando il riso sarà cotto, naturalmente al dente, aggiungete il cuore cremoso del tomino, un filo d’olio a filo e mantecate per due minuti energicamente. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Servite usando la parte inutilizzata del tomino come piatto, quindi metteteci dentro il riso e coprite con l’altro pezzo di tomino (la mia foto non rende giustizia, scusate).

…Buon Appetito…

                

Risotto con filetto di pesce persico nostrano mantecato alla ricotta di bufala e sua bottarga…

Che bello il lago, grazie alle sue mille sfumature e a suoi deliziosi e nobili abitanti, i signori Pesci Persici…finalmente sono riuscito a reperirne qualche raro esemplare nostrano…filetti piccoli, teneri e molto saporiti, ideali da fare dorati o in risotto…quindi se riuscite a trovarli provate questa ricetta, aggiungendo come tocco finale della bottarga di pesce persico, forse introvabile, ma strepitosa…tra poco parto per le terme di San Pellegrino, finalmente un po’ di relax dopo una settimana infernale…Buona giornata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
500 g di filetto di pesce persico nostrano
100 g di ricotta di bufala
200 g di farina di semola rimacinata
20 g di bottarga di pesce persico
4 foglie di salvia giganti
1/2 bicchiere di vino bianco
Olio evo

Per il brodo
1 cipolla
2 spicchi d’aglio
1 rametto di timo limonato
Sale grosso

Preparazione
Preparate il brodo vegetale mettendo l’aglio, la cipolla senza buccia, un rametto di timo limonato e poco sale grosso in una padella colma d’acqua fredda. Fate bollire e lasciate cuocere per 30 minuti a fiamma molto bassa.

Impannate i 3/4 dei filetti di pesce persico nella farina di semola. Cuoceteli in una padella con burro e salvia fino a che non saranno diventati croccanti.

Mettete un filo d’olio in una padella dai bordi alti, aggiungete i restanti filetti di pesce persico tagliati a cubetti e fateli cuocere per due minuti. Sfumate con il vino bianco, lasciate evaporare e togliete il pesce dalla padella utilizzando una schiumarola, così da lasciare solo il suo sugo all’interno.

Versate il riso nella padella e tostatelo per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo aromatico e terminate la cottura continuando a versarne poco alla volta.

A metà cottura ricordatevi di aggiungere il filetto di pesce persico a cubetti precedentemente scottato e sfumato.

Quando il riso sarà cotto, naturalmente al dente, aggiungete la ricotta di bufala e mantecate per due minuti energicamente. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Servite adagiando sopra al riso i filetti dorati di pesce persico, una bella foglia di salvia croccante e cospargete il tutto di bottarga di pesce persico aggiungendo un filo d’olio evo a piacere.

Buon Appetito

IMG_0730

IMG_0712

IMG_0714

IMG_0715

IMG_0716

IMG_0719

IMG_0720

IMG_0721

IMG_0722

IMG_0718

Risotto con guanciale, asparagi, scalogno caramellato e crema di bufala…

Buongiorno a tutti…stamattina inizio presto a postarvi ricette, dato che ultimamente vi ho un po’ abbandonato. Dopo il mio rientro è stata una settimana infernale e sopratutto fatta di riso in bianco e insalate. Ma da oggi ritorno a scrivere, ritorno a mangiare, ritorno a vivere. Adesso vado a fare la spesa e poi in partenza per una mia giornata “tipo” ai fornelli…cosa cucino? Tantissime cose, per una fantastica cena fredda a base di pesce di mare e crostacei…ora vi lascio alla ricetta, un risotto, con guanciale, asparagi e crema di bufala… A dopo…

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
100 g di guanciale di maiale
200 g di asparagi piccoli
300 g di mozzarella di bufala
20 g di parmigiano reggiano
1 scalogno
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di zucchero di canna
Olio evo
Sale

Brodo vegetale agli asparagi
Aglio
Scarti asparagi
Cipolla
Sale grosso

Preparazione
Preparate il brodo vegetale mettendo l’aglio, la cipolla, la parte dura degli asparagi che andrete a scartare e poco sale grosso in una padella colma d’acqua fredda. Fate bollire e lasciate cuocere per 30 minuti a fiamma molto bassa.

Lessate gli asparagi dopo averli puliti nel brodo di verdure per 5 minuti e metteteli da parte.

Prendete il bicchiere del mixer, aggiungete la mozzarella di bufala, il parmigiano reggiano e poco olio a filo. Frullate con il frullatore ad immersione fino a ottenere una salsa cremosa e senza grumi.

Mettete un filo d’olio in una padella dai bordi alti, aggiungete il guanciale tagliato a cubetti e fatelo soffriggere. Quando sarà diventato croccante, toglietelo dalla padella utilizzando una schiumarola, così da lasciare il suo “grasso” all’interno.

Aggiungete nella padella “grassa” lo scalogno tritato fine e fatelo appassire a fiamma bassa. Mettete lo zucchero di canna e sfumate con il vino bianco. Lasciate evaporare e togliete solo lo scalogno dalla padella lasciando nuovamente all’interno il “sughetto”.

Versate il riso in padella e tostatelo per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di verdure e terminate la cottura continuando versare poco a poco il brodo.

A metà cottura aggiungete gli asparagi tagliati a pezzetti ed il guanciale croccante.

Quando il riso sarà sarà cotto, aggiungete la crema di bufala e mantecate per due minuti energicamente. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Servite il risotto aggiungendo un filo d’olio.

…Buon Appetito…

IMG_0309

IMG_0300

IMG_0301

IMG_0302

IMG_0305

IMG_0304

Risotto ai tre cereali con baccalà profumato al timo limonato, cappuccio bianco, datterini e formaggio fresco di capra…

Non saprei se definirla un piatto invernale, primaverile o estivo, so solo che se ami il baccalà come lo amo io , questa è la ricetta giusta per te. L’idea di utilizzare il riso ai tre cereali mi è venuto guardando un contest culinario organizzato l’anno scorso da una nota casa produttrice di riso e mi è sembrata un’idea originale da provare assolutamente…baccalà, cavolo cappuccio bianco, formaggio fresco e timo limonato…buona serata a tutti.

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso ai tre cereali (riso, farro e orzo)
150 g di filetto di baccalà dissalato
100 g di formaggio fresco di capra
50 g di cavolo cappuccio bianco
1 rametto di timo limonato fresco
Olio evo
Aglio
Sale
Pepe

Preparazione
Preparate un leggero brodo vegetale utilizzando gli scarti del cavolo cappuccio bianco, due spicchi d’aglio, del sale grosso e acqua fredda. Fate bollire per 10 minuti a fiamma bassa.

Mettete a marinare in una bacinella per almeno 4 ore il filetto di baccalà dissalato con un filo d’olio evo e un rametto di timo limonato spezzettato.

Prendete una padella dai bordi alti, aggiungete un filo d’olio evo, uno spicchio d’aglio e i pomodorini tagliati a metà. Lasciate cuocere pochi minuti e con l’aiuto di una schiumarola toglieteli dalla padella lasciando all’interno formatosi.

Togliete 10 minuti prima il baccalà dal frigo e aggiungetelo nella padella di cottura dei pomodori con tutta la sua marinatura, eliminando il timo limonato e lasciate cuocere per 2 minuti. Sempre con l’auto della schiumarola togliete il baccalà lasciando all’interno tutto il sugo.

Prendete il riso ai tre cereali e fatelo tostare 2 minuti nella padella contenete il sugo dei pomodori e quello del baccalà. Non sarà necessario aggiungere grassi perchè già presenti dalle cotture precedenti.

Aggiungete poco alla volta il brodo vegetale, fino ad arrivare a cottura del riso, circa 15/16 minuti. A metà cottura ricordatevi di aggiungere il baccalà precedentemente scottato e il cavolo cappuccio bianco tagliato a strisce e privato della parte dura, che userete per il brodo.

Spegnete la fiamma, aggiungete un filo d’olio a filo e il formaggio fresco di capra. Mantecate energicamente per due minuti e coprite con un coperchio per altri due minuti.

Servite decorando con del baccalà marinato, due datterini, qualche fogliolina di timo limonato e un filo d’olio evo.

Buon Appetito

img_9037 copia

IMG_9021

IMG_9022

IMG_9023

IMG_9026

IMG_9030

Risotto con salmone affumicato dell’Alaska e germogli di soia mantecato al cuore di robiola…

Chi l’avrebbe mai detto che i germogli di soia si sposassero così bene con la robiola ed il salmone affumicato. Croccanti, saporiti e contrastanti rispetto al resto del piatto…fantastica scoperta…Per me la parola weekend significa, cucina, relax e tanto tanto cibo. Tra poco partono i preparativi per la cena a base di zucca, sogliola, rombo, patate, fagioli, olive taggiasche e carciofi…insomma un menù tutto da scoprire. Buona serata a tutti.

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
100 g di salmone affumicato Alaska
100 g di robiola dolce
50 g di germogli di soia
1/2 bicchiere di vino bianco
1 scalogno
10 g di burro
Olio evo

per il brodo vegetale

Preparazione
Procedete alla preparazione del brodo vegetale. Quando sarà pronto diluitelo con la stessa quantità di acqua perché in questa preparazione dovrà essere più leggero.

In una padella dal bordo alto fate soffriggere lo scalogno tritato fine con poco olio d’oliva ed il burro. Aggiungete il salmone affumicato tagliato a piccoli cubetti e lasciate cuocere per 1 minuto.

Aggiungete il riso e fatelo tostare per 2/3 minuti. Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e procedete alla cottura aggiungendo il brodo poco alla volta.

A metà cottura aggiungete i germogli di soia e mescolate bene il tutto.

Quando il grado di cottura del riso sarà di vostro gradimento, spegnete la fiamma e aggiungete un filo d’olio e la robiola precedentemente privata della buccia e fatta a tocchetti. Mescolate energicamente mantecando il risotto per 2 minuti.

Coprite con un coperchio e lasciate riposare altri 2 minuti.

Servite aggiungendo dei germogli di soia crudi e un filo d’olio evo.

Buon Appetito

IMG_8637

IMG_8621

IMG_8629

IMG_8632

IMG_8634