Ristorante degli Angeli, Rapallo (Ge) – Buono ma con riserva…

Durante il nostro ormai passato tour in Liguria, abbiamo cenato presso un ristorantino molto carino a Rapallo, che se anche non direttamente sul mare, vale la pena di essere provato.

Ristorante degli angeli, questo è il suo nome, locale di nuova gestione situato vicinale stazione dei treni di Rapallo. L’entrata è molto graziosa, formata da due enormi vetrate coperte da tende bianche e da una porta vetro con due grossi vasi neri colmi di fiori lilla a fare d’ingresso.

Entriamo e notiamo che l’interno è caratterizzato da un arredamento molto minimale caratterizzato dal colore “bianco”, con dei grossi specchi a fare da parete.

La proprietaria, gentilissima, ci fa accomodare al nostro tavolo, composto da divanetti di pelle, naturalmente bianchi e tavoli apparecchiati con una tovaglia rettangolare rossa e centrata al tavolo.

Ci viene consegnato il menù da un cameriere leggermente impacciato, forse al primo servizio, e dopo averlo sfogliato decidiamo di ordinare. Scegliamo un antipasto misto di mare, dei paccheri alle vongole e cozze, e la loro specialità, polpo e calamari gratinati.

L’antipasto è molto buono e servito i diversi bicchieri messi in pila a formare una specie di piramide di vetro, all’ultimo piano troviamo i calamari, tenerissimi, al secondo piano del pesce al vapore, molto saporito e al primo piano l’inquilino migliore di questo deserto di sapori, il salmone affumicato, divino, ne avrei mangiato a tonnellate.

Poco dopo arriva anche il primo piatto, il sugo di cozze e vongole è davvero molto buono e sopratutto fresco, la pasta l’avrei forse lasciata più al dente, ma va a gusti.

Finalmente arriva il secondo, piatto che non vedo l’ora di assaggiare, ma ahimè, triste delusione, la panatura era troppo salata e il limone copriva tutto il gusto del polpo e dei calamari, così dopo aver segnalato il piatto “salato”, con tanto di scuse dello chef, ci viene servito del polpo alla griglia e finalmente riesco ad assaggiare un piatto degno di questo bellissimo locale, croccante fuori e tenero dentro, complimenti.

Tranne qualche piccolo disguido tecnico, credo che ritornerò in questo locale, sperando magari in una serata più azzeccata. Tutto sommato merita di essere provato per il clima cordiale, discreto e romantico.

IMG_1605

IMG_1607

IMG_1609

IMG_1616

IMG_1614

IMG_1617

Annunci

Zuppetta di polpo, patate e ceci…

Buona domenica a tutti, voglio deliziarvi con una ricettina tanto buona che ho sperimentato due domenica fa’. Oggi a pranzo non cucino, ma stasera vi delizierò con tanto sushi misto…in collaborazione con fidanzata e amici. SushiAMO insieme vers. 1.0…

Ingredienti per 4 persone
1 kg di polpo
300 g di patate
100 g di ceci cotto al vapore
300 g di pelati
1/2 bicchiere di vino bianco
Sale
Pepe
Aglio

Preparazione
Iniziate preparando il polpo. Fate bollire le patate intere già sbucciate per 15 in acqua poco salata, dovranno restare al dente. Quando saranno fredde tagliatele a cubetti e fatele saltare in una padella abbastanza alta con uno spicchio d’aglio e dell’olio evo per 5 minuti. Aggiungete il polpo tagliato a rondelle e fate insaporire aggiustando di sale e pepe. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Mettete i pelati e fate cuocere per 10 minuti a fiamma bassa aggiustando sempre di sale e pepe. Scolate i ceci e metteteli nella zuppa lasciando cuocere per altri 5 minuti. Spegnete e servite calda con un crostone di pane e dell’olio evo.

…Buon Appetito…

IMG_5245.JPG

IMG_5246.JPG

Insalata di polpo con carote e vinaigrette all’aceto balsamico

Una ricetta semplice, una ricetta estiva, un po’ lunga nella preparazione, ma che saprà donarvi piacere e bontà…

Ingredienti
Polipo
Carote
Prezzemolo
Limone
Aceto balsamico di Modena
Olio evo
Pepe
Sale

Preparazione
Iniziate pulendo e cuocendo il polpo.

Prendete il polipo e tagliatelo per obliquo a rondelle. Lasciate più lunghe le punte dei tentacoli arricciati. Mettete il polpo in una bacinella con le carote tagliate a julienne, condite con sale, pepe, prezzemolo tritato c e poco olio extra vergine di oliva.

In una ciotola sciogliete un pizzico di sale in un cucchiaio di aceto balsamico. Poi aggiungete un cucchiaio di succo di limone, un cucchiaio di olio e poco pepe. Sbattete gli ingredienti con una forchetta fino a che non saranno emulsionati.

Impiattate mettendo uno strato di carote sul piatto, ci adagiate sopra il polipo e spruzzate con la vinaigrette al balsamico e limone.

…Buon appetito…

foto 1

Il polpo che è il polipo come si prepara?

Ma si dice polpo o polipo? …è uguale, non cambia niente…tanto lo mangio lo stesso…

Ingredienti
Polpo
Prezzemolo
Aglio
Pepe
Sale

Preparazione
Prendete il polpo, sciacquatelo sotto l’acqua fredda corrente, strofinate bene la testa e i tentacoli sia all’interno che all’esterno. Prendete un coltellino affilato e incidete la sacca dove sono contenuti gli occhi, rimuoveteli e fate lo stesso per il becco. Sciacquate nuovamente il polpo sotto acqua corrente fredda ed estraete le interiora dalla sacca lavandola poi accuratamente all’interno. Eliminate ogni residuo di sabbia.

Mettete in una pentola abbondante acqua poco salata con due spicchi d’aglio, qualche grano di pepe e il rametto di prezzemolo, quando bolle inserite il polpo, per arricciare le punte dei tentacoli immergeteli nell’acqua bollente e poi fateli riemergere, proseguite così per 2-3 volte. Lasciate cuocere circa un 90 minuti per ogni kg di polpo. Quando sarà cotto lasciatelo raffreddare nella sua acqua per una ventina di minuti. Prendete il polpo e mettetelo sotto l’acqua fredda, se la cottura è giusta la pelle dovrebbe staccarsi facilmente.

…Buon appetito…

N.B. Il polpo è molto buono e gustoso, ma vi ricordo che appena cotto si ridurrà quasi più della meta, quindi fate bene i vostri calcoli…

foto 3

foto 2