Empanadas Argentine in Italia…

Adoro le empanadas, una volta le mangiavo spesso ma adesso i ristoranti argentini in Italia si sono ridotti drasticamente, almeno dalle mie parti… Quindi ho deciso di preparale con l’aiuto della mia ragazza. Ho trovato varie ricette su internet e ho cercato di prendere il meglio da ognuna di esse, naturalmente la mia non è l’originale, ma comunque una gustosa e molto simile alternativa…buon weekend a tutti…

Ingredienti per 10 empanadas

per la pasta
200 g di farina tipo 00
50 g di semola rimacinata
125 ml circa d’acqua tiepida
25 g di olio evo
5g sale

per il ripieno
200 g di carne di manzo macinata
20 g di olive nere denocciolate
1 cipolla bianca grossa
1 peperone rosso
1 cucchiaino di peperoncino polvere
1 cucchiaino di paprika dolce in polvere
Prezzemolo
25 g di burro
Olio Evo

Preparazione
Prendete una ciotola, aggiungete la farina setacciata, l’acqua tiepida, il sale e l’olio. Impastate bene facendo amalgamare tutto fino ad ottenere un composto abbastanza molle ma non appiccicoso. Coprite con carta trasparente, lasciate riposare in un luogo fresco e asciutto per 30 minuti.

Prendete una pentola, metteteci il burro, la cipolla tritata fine e fate soffriggere. Aggiungete la carne macinata e lasciate cuocere per 5 minuti, poi aggiungete il peperone tritato, il prezzemolo, la paprika e il peperoncino. Lasciate insaporire il tutto e terminate la cottura per altri 10 minuti. Spegnete la fiamma e aggiungete le olive denocciolate tagliate grossolanamente.

Prendete la pasta e tiratela fino a farla diventare dello spessore di 2/3 mm circa. Con il coppapasta dal diametro di almeno 12 cm ricavate dei cerchi e farciteli con il ragù speziato. Chiudete a forma di luna e con la forchetta sigillate i bordi.

Friggete a 170 gradi in friggitrice o padella per 8 minuti circa. Servite con salsa tartara o maionese all’aglio.

Buon Appetito

IMG_5673.JPG

IMG_5675.JPG

IMG_5670.JPG

IMG_5671.JPG

IMG_5679.JPG

Annunci

Calamari al forno ripieni dì patate, olive e formaggio..

Stasera “cenetta romantica” con Daisy, mamma Moni e i miei cani che non so come ma riescono sempre a racimolare qualcosa dal mio piatto. Ho pensato di preparare dei calamari ripieni con patate e altri ingredienti che avevo in dispensa. Poi la serata proseguirà all’insegna di “Fox Tv” con la seria televisiva “Da Vinci’s Demons”. Domani, che farò? Che domande, arriva il week-end e cucinerò tutto il pomeriggio. I miei amici commensali dovranno sentirsi fortunati perché giuro che non cucinerò GAMBERI…solo dentice (ne ho presi 3 e sono troppo iDentici, pessima battuta), polpo gigante, tonno rosso e quello che la pescheria mi offrirà.

Ingredienti per 4 persone
8 calamari medio-piccoli
300 g di patate
70 g di mozzarella a pasta dura
50 g di pangrattato
50 g di parmigiano reggiano
15 olive nere in salamoia
1 manciata di capperi sotto sale
1 uovo
Q.b di prezzemolo tritato
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Mettete a bollire le patate per circa mezz’ora nell’acqua ancora fredda e leggermente salata. Sciacquare e pulire bene i calamari eliminando pelle, cartilagine, occhi e beccuccio. Tritate i soli tentacoli e fateli saltare in una padella con mezzo spicchio d’aglio tritato fine e 4 cucchiai d’olio evo. Sfumate con un goccio di vino bianco e lasciate evaporare. Salate pepate e con l’aiuto del ragno trasferiteli su di un tagliere dove andrete a tritarli grossolanamente. Nella stessa padella contenente il sughetto dei tentacoli aggiungete due mestoli d’acqua, un pizzico di sale e fate ritirare creando una specie di fumetto. In una bacinella mettete il pangrattato, il parmigiano reggiano, tritate il prezzemolo, le olive nere, la mozzarella, i capperi e aggiungeteli alla bacinella. Mescolate bene il ripieno, aggiustate di sale e se vi sembra troppo duro aggiungete il nostro “fumetto” di tentacoli per ammorbidire. Scolate le patate che dovranno essere ben cotte e schiacciatele con uno schiacciapatate nella bacinella con il ripieno. Mescolate bene aggiungendo un uovo per amalgamare il tutto e mettete in una sac à poche con l’aiuto di un cucchiaio. Riempite con la sac à poche i calamari uno ad uno chiudendoli bene con uno stuzzicadenti. Metteteli in una pirofila da forno leggermente imburrata, aggiungete due spicchi d’aglio, cospargete con il restante “fumetto”, salate, pepate e mettete in forno già caldo a 180° per 15 minuti. Togliete dal forno, girate i calamari, bucherellateli con uno stuzzicadenti per non farli scoppiare, cospargeteli con il loro fondo di cottura, una spolverata di parmigiano reggiano, una noce di burro e infornate nuovamente a 180° per altri 15 minuti. Togliete e servite caldi.

IMG_4900.JPG

IMG_4903.JPG

Hamburgher di pollo e olive nere al coltello con salsa alla feta, capperi e lime su cavolo cappuccio saltato…

Un po’ di Grecia rivisitata all’americana con un pizzico di buon senso…vi starete chiedendo se sono impazzito, la risposta è no, è solo che volevo mangiarmi un buon hamburger, ma senza salse grasse e il suo classico “unto” mi sapeva di niente, così ho provato a creare un alternativa…molto molto saporita…il cavolo cappuccio è la parte “light”, un odore nel cucinarlo, consigliato l’utilizzo in luoghi aperti.

ingredienti per 2 persone
200 g di petto di pollo
40 g olive nere
80 g di feta
20 g di pecorino romano
20 g di capperi
1/2 lime
1 cavolo cappuccio
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Pulite il petto di pollo e tagliatelo a piccoli cubetti che poi andrete a battere a coltello per far si che diventi una specie di tartare. Denocciolate le olive nere grossolanamente schiacciandole con le dite per fare uscire il nocciolo, tritatele grossolanamente e aggiungetele al pollo con un filo d’olio, il pecorino, un pizzico di sale e il pepe nero macinato. Amalgamate bene il tutto e con l’apposita macchinetta create due hamburger (in alternativa schiacciate la carne con la mano cercando di dargli la giusta forma) e lasciateli 30 minuti a compattare in frigo. Nel frattempo mettete nel bicchiere del mixer la feta, i capperi, il succo del lime e iniziate a frullare con il frullatore a immersione versando l’olio a filo fino a formare una salsa cremosa. Pulite il cavolo cappuccio, tagliatelo a listarelle e fatelo saltare 10 minuti in padella con un filo d’olio e aggiungendo poca acqua se dovesse stare per attaccare. Prendete una padella antiaderente e quando sarà ben calda fate cuocere gli hamburgher 3 minuti per lato o a piacere. Servite l’hamburger adagiato sul cavolo cappuccio cosparso di salsa alla feta, lime e capperi.

…Buon appetito…
P.s. La salsa vi sembrerà un po’ acidula, ma vi renderete conto che è molto buona accompagnata alla carne e al cavolo.

IMG_4218.JPG