La mi “Amatriciana”…

Oggi voglio svelarvi il trucco di come io preparo il sugo all’amatriciana, non proprio leggera, ma molto saporita e ottima per fare bella figura con i propri amici, parenti o ospiti inaspettati…Buona domenica a tutti, io tra poco parto per Padova, destinazione stadio Euganeo, LiveKom 2015…

Ingredienti per 4 persone
100 g di guanciale
400 g di pomodori maturi
30 g di cipolla bianca
1 peperoncino fresco
1 spicchio d’aglio
Olio evo
Zucchero
Sale
Pepe

Preparazione
Mettete in un pentolino un filo d’olio, aggiungete la cipolla tagliate a rondelle sottili ed il peperoncino tritato fine. Lasciate stufare le cipolle 10 minuti a fiamma bassissima e aggiungete i pomodori tagliati a cubetti grossi. Mettete poco zucchero per togliere l’acidità del pomodoro, aggiustate di sale e pepe e lasciate ritirare la salsa a fiamma bassa per 15 minuti.

Mettete il guanciale in una padella con uno spicchio d’aglio e se volete un filo d’olio. Lasciate soffriggere finché il guanciale sarà bello dorato e aggiungete la salsa di pomodoro e cipolle. Amalgamate bene il tutto e lasciate cuocere per pochi minuti a fiamma bassa.

Servite illuminando un piatto di bucatini, spaghetti, spaghetti i, tortiglioni, maccheroni, penne, fusilli o paure come ho fatto io oggi, con dei gnocchi fatti in casa.

…Buon Appetito…

            

  

Annunci

Risotto con guanciale, asparagi, scalogno caramellato e crema di bufala…

Buongiorno a tutti…stamattina inizio presto a postarvi ricette, dato che ultimamente vi ho un po’ abbandonato. Dopo il mio rientro è stata una settimana infernale e sopratutto fatta di riso in bianco e insalate. Ma da oggi ritorno a scrivere, ritorno a mangiare, ritorno a vivere. Adesso vado a fare la spesa e poi in partenza per una mia giornata “tipo” ai fornelli…cosa cucino? Tantissime cose, per una fantastica cena fredda a base di pesce di mare e crostacei…ora vi lascio alla ricetta, un risotto, con guanciale, asparagi e crema di bufala… A dopo…

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
100 g di guanciale di maiale
200 g di asparagi piccoli
300 g di mozzarella di bufala
20 g di parmigiano reggiano
1 scalogno
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di zucchero di canna
Olio evo
Sale

Brodo vegetale agli asparagi
Aglio
Scarti asparagi
Cipolla
Sale grosso

Preparazione
Preparate il brodo vegetale mettendo l’aglio, la cipolla, la parte dura degli asparagi che andrete a scartare e poco sale grosso in una padella colma d’acqua fredda. Fate bollire e lasciate cuocere per 30 minuti a fiamma molto bassa.

Lessate gli asparagi dopo averli puliti nel brodo di verdure per 5 minuti e metteteli da parte.

Prendete il bicchiere del mixer, aggiungete la mozzarella di bufala, il parmigiano reggiano e poco olio a filo. Frullate con il frullatore ad immersione fino a ottenere una salsa cremosa e senza grumi.

Mettete un filo d’olio in una padella dai bordi alti, aggiungete il guanciale tagliato a cubetti e fatelo soffriggere. Quando sarà diventato croccante, toglietelo dalla padella utilizzando una schiumarola, così da lasciare il suo “grasso” all’interno.

Aggiungete nella padella “grassa” lo scalogno tritato fine e fatelo appassire a fiamma bassa. Mettete lo zucchero di canna e sfumate con il vino bianco. Lasciate evaporare e togliete solo lo scalogno dalla padella lasciando nuovamente all’interno il “sughetto”.

Versate il riso in padella e tostatelo per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di verdure e terminate la cottura continuando versare poco a poco il brodo.

A metà cottura aggiungete gli asparagi tagliati a pezzetti ed il guanciale croccante.

Quando il riso sarà sarà cotto, aggiungete la crema di bufala e mantecate per due minuti energicamente. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Servite il risotto aggiungendo un filo d’olio.

…Buon Appetito…

IMG_0309

IMG_0300

IMG_0301

IMG_0302

IMG_0305

IMG_0304

Insalata di cime di rapa con guanciale e petto di pollo al forno…

Un’idea nata per caso dopo aver trovato al supermercato delle bellissime cime di rapa. Così, aggiungendo soltanto del guanciale e del pollo è nato questo piatto molto saporito e semplice da realizzare. Buona serata a tutti.

Ingredienti per 4 persone
400 g di petto di pollo intero
300 g di cime di rapa
100 g di guanciale di maiale
1 spicchio d’aglio
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Pulite il petto di pollo e cospargetelo d’olio evo, sale e pepe. Mettetelo in una pirofila e infornate a 180° per 20 minuti circa. Togliete dal forno, controllate che sia cotto e che si sia formata una bella crosticina. Tagliatelo a strisce e mettetelo da parte.

Fate rosolare uno spicchio d’aglio in padella insieme al guanciale. Aggiungete le cime di rapa e lasciate cuocere 3/4 minuti. Aggiustate di sale e pepe.

Mettete il pollo a saltare con le cime di rapa per 2 minuti.

Servite caldo e magari arrotolato da una piadina.

Buon Appetito

IMG_8376-0

IMG_8372

IMG_8368

IMG_8370

IMG_8379

IMG_8380

Calamari ripieni di bufala, guanciale, parmigiano e soffritto…

Scusatemi se non ho più scritto ma ho avuto un’altra settimana infernale…finalmente ho trovato il tempo per pubblicarvi questa squisita ricetta…stasera cenetta romantica in un locale nuovo e molto intrigante…domani la recensione…buona serata a tutti…

Ingredienti per 4 persone 
16 calamari freschi medio piccoli 
250 g di mozzarella di bufala 
100 g di guanciale di maiale 
100 g di  pangrattato
120 g di parmigiano reggiano 
50 g di pane in cassetta
q.b di latte fresco 
50 g di carote 
50 g di sedano 
50 g di cipolla 
1/2 arancia 
1/2 bicchiere di vino bianco
Olio evo 
Rametto di rosmarino 
Sale 
Pepe 

Preparazione

Pulite i calamari cercando di non rompere le sacche per poterli farcire successivamente. 


Fate rosolare il guanciale in una padella senza l’aggiunta di olio. Tritate fini la carota, il sedano e la cipolla. Fateli soffriggere nella padella insieme al guanciale. Aggiungete un rametto di rosmarino e lasciate cuocere 5 minuti a fiamma bassa. Spegnete e fate raffreddare.

Mettete nel contenitore del mixer la mozzarella di bufala, il pangrattato, 100 g di parmigiano reggiano e il pane in cassetta precedentemente ammollato nel latte e poi strizzato. Frullate per pochi secondi e aggiungete il soffritto con il guanciale. Continuate a frullare fino ad ottenere un ripieno abbastanza fine ma che lasci intravvedere i pezzi del soffritto.

Prendete un sac à poche, riempitelo con il ripieno e usatelo per farcire i calamari richiudendo la sacca con uno stuzzicadenti. Poneteli in una pirofila bucherellandoli con uno stuzzicadenti in modo tale da non fare uscire il ripieno. Irrorate d’olio evo, salate, pepate, sfumate con il vino bianco e cospargete con il restante parmigiano. 

Infornate in forno ventilato già caldo a 200 gradi per 25/30 minuti.

Servite tiepidi, non bollenti.

…Buon Appetito…




Lenticchie saporite, per tante ricette…

Io adoro tutti i legumi, ed in particolare le lenticchie…si dice portino fortuna, ma su questo ho qualche dubbio. Ecco come cucinarle al meglio per renderle ancora più gustose…per stasera gnocchi, ma fatti in modo diverso…Buona domenica a tutti…

La ricetta completa su:
https://marinoecucino.com/2015/01/11/lenticchie-saporite-per-tante-ricette/

Ingredienti per 8 persone
200 g lenticchie secche
50 pancetta affumicata
1 carota
1 sedano
1/2 cipolla
1/4 spicchio d’aglio
2 cucchiaini di triplo concentrato di pomodoro
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Mettete a bagno le lenticchie per almeno 12 ore, poi scolatele con un colino e risciacquatele bene.

Fate soffriggere la pancetta tagliata a cubetti in una padella senza l’aggiunta di olio, quando sarà croccante e avrà rilasciato il suo grasso mettetela da parte lasciando l’unto in padella.

Intanto preparate un soffritto tritando finemente carota, sedano, cipolla e aglio. Fatelo appassire a fiamma bassa 5 minuti nella padella in cui c’era la pancetta aggiungendo 2 cucchiai d’olio evo.

Aggiungete le lenticchie, fatele insaporire e mettete il triplo concentrato di pomodoro. Lasciate cuocere circa 10 minuti e aggiungete la pancetta croccante. Finite la cottura per altri 20 minuti aggiustando di sale e pepe e aggiungendo dell’acqua calda di tanto in tanto per non fare ritirare troppo.

Queste lenticchie possono essere la base di molte ricette gustose, paste, risotti, creme etc…

Buon appetito

2015/01/img_6576.jpg

Risotto alla carbonara…

Oggi mi chiedo, ma chi l’ha detto che la carbonara è solo PASTA …Oggi posso dimostrare che un risotto alla carbonara è la fine del mondo. Stessi ingredienti, tranne per la pasta che viene sostituita dal riso che assorbe tutto il sapore del guanciale, dell’uovo e del pecorino. Scusami Roma, ma sapete che i veri gladiatori amano le sfide.

Preparazione
400 g di Vialone Nano
100 g di guanciale di maiale
Cipolla
2 uova
80 g di pecorino romano
Birra rossa
Burro
Olio
Sale
Pepe

per il brodo
Cipolla
Cotenna del guanciale o scarti prosciutto crudo
Sale grosso

Preparate il brodo facendo bollire dell’acqua salata con lo scarto del guanciale e la cipolla. In una padella fate dorare il guanciale con un filo d’olio, quando sarà croccante toglietelo e aggiungete la cipolla tritata fine, fatela soffriggere e aggiungete il riso. Fatelo tostare per 2/3 minuti fino a quando il chicco non sarà diventato trasparente. Sfumate con mezzo bicchiere di birra e fate evaporare. Procedete la cottura aggiungendo poco brodo alla volta. Nel frattempo rompete le uova in una bacinella, aggiungete il pecorino, una noce di burro (non deve essere freddo), il pepe, un pizzico di sale e mescolate bene fino a formare un composto abbastanza omogeneo. Terminate la cottura del riso, in media 14/16 minuti, aggiungete la pancetta precedentemente dorata, spegnete la fiamma e mantecate 1 minuto con il composto di uovo e pecorino. Coprite con un coperchio per un altro minuto e servite.
…Buon appetito…

N.b. State attenti alla mantecatura, può succedere che se non mescolate bene l’uovo solidifichi e crei delle piccole frittatine.

IMG_3291.JPG

Penne alla Gricia

Un primo piatto davvero molto semplice e gustoso…basta trovare del buon guanciale, dell’ottimo pecorino e tanto tanto pepe nero…la cucina romana a casa mia…

Ingredienti per 4 persone
400 g di pennette
250g di guanciale (più la sua cotenna)
100 g di pecorino
Pepe nero
Sale grosso

Preparazione
Pulite il guanciale togliendo la cotenna e mettetela in una pentola con abbondante acqua salata.
Tagliate il guanciale a cubetti e fatelo rosolare in una padella senza olio.

IMG_3570.JPG

Quando sarà diventato trasparente spegnete la fiamma e mettete da parte.

IMG_3572.JPG

Buttate la pasta nell’acqua con la cotenna e quando sarà a metà cottura riaccendete la padella con il guanciale e metteteci un mestolo di acqua di cottura della pasta con tantissimo pepe.

IMG_3573.JPG

IMG_3574.JPG

Scolate la pasta più che al dente e buttatela nella padella con il guanciale terminando la cottura.

IMG_3576-0.JPG

IMG_3577.JPG

Servite la pasta con una manciata ultra generosa di pecorino.

Buon appetito

N.b. Non salate il sugo perché già troppo saporito.

IMG_3582.JPG