Spaghettoni con gamberoni esplosivi…

Ecco il ritorno dei miei tanto amati gamberoni, era un po’ che non li cucinavo e quindi ho deciso di svelarvi una delle mie ricette più saporite, gustose e semplici da realizzare. I gamberoni dal loro gusto delicato ma deciso, le acciughe forti e salate, le olive compatte e buone, i capperi che mi fanno impazzire e il pecorino che manteca il tutto…mi raccomando salate pochissimo la pasta.

Ingredienti per 4 persone
400 g di spaghettoni
8 gamberoni
4 filetti d’acciuga sottolio
15 pomodori datterini
Una manciata di capperi piccoli sotto sale
Una manciata di pecorino romano
15 olive nere denocciolate

Preparazione
Lessate gli spaghettoni in abbondante acqua salata. Prendete una padella, aggiungete un filo d’olio e fateci soffriggere uno spicchio d’aglio e le acciughe private del loro olio. Aggiungete i gamberoni tagliati a cubetti dopo averli puliti e privati della testa e del guscio, lasciate scottare due minuti per lato e aggiungete le olive nere, i capperi privati del sale e i datterini. Scolate gli spaghetti al dente e fateli saltare in padella con poca acqua di cottura e mantecate con un filo d’olio e il pecorino romano.

Impiattate e buon appetito

IMG_5634.JPG

Annunci

Una carbonara davvero speciale…

E se la pancetta venisse sostituita dai gamberoni? E se la quantità di formaggio fosse dimezzata e venisse aggiunta della bottarga? Uhmmm…direi che siamo sulla buona strada. Signori e Signore vi presento una carbonara davvero speciale.

Ingredienti per 4 persone
400 g di penne
8 gamberoni
30 g di bottarga
20 g di pecorino
2 uova
20 g di burro
1 spicchio d’aglio

Preparazione
Lessate le penne in abbondante acqua salata. Pulite i gamberoni, fateli a piccoli cubetti e scottateli in una padella con uno spicchio d’aglio e il burro. Spegnete e mettete da parte. Prendete una bacinella, rompeteci le uova e iniziate a sbatterle aggiungendo il pecorino e la bottarga. Scolate le penne al dente e fatele saltare nella padella con i gamberoni mantenendo poca acqua di cottura della pasta. Mettete il tutto nella bacinella con le uova, il pecorino e la bottarga. Mescolate bene e servite.
…Buon appetito…

IMG_4857.JPG

IMG_4849.JPG

Tagliatelle con crema di stracciatella al pomodoro e gamberi…

Una ricetta semplice, gustosa e facile da preparare…utilizziamo la stracciatella vaccina la quale viene così chiamata perché i pezzi di pasta della mozzarella vengono stracciati a mano. Non è facile trovarla fresca e gustosa, ma stranamente sono riuscito a scovarla alla Conad. Dato che ieri non ho pubblicato niente perché ero un po’ “lunatico” (caratteristica che mi impedisce di fare tante cose), oggi vi delizierò con due ricette…la prima ve la scrivo subito e ha superato il test “Gaia” (Gaia è la mia sorellina che è una “maia-mal”, quindi se apprezza ciò che faccio mi sento Gordon Ramsey) la seconda devo ancora prepararla consapevole che sarà un bizzarro esperimento da officina del gusto, vi anticipo il nome del piatto…Calamaro gigante sazio di tutto…naturalmente ci sarà presente anche la stracciatella…

Ingredienti
Tagliatelle fresche (Rana)
Stracciatella vaccina
Code di Gambero
Triplo concentrato di pomodoro
Vino bianco
Olio evo
Burro
Grana padano
Aglio
Sale
Pepe

Preparazione
Fate bollire in una pentola abbondante acqua salata.

Sgusciate le code di gambero e eliminate l’intestino interno. Mettete un filo d’olio in una padella con uno spicchio d’aglio divisi in due, fate soffriggere e aggiungete i gamberi. Lasciate cuocere un minuto e girateli. Salate, pepate e sfumate con il vino bianco.

Mettete nel bicchiere del mixer la stracciatella, tre cucchiaini di triplo concentrato di pomodoro, sale e poco olio. Frullate con il frullatore ad immersione. Dovrete ottenere una salsa abbastanza liquida, se così non fosse aggiungete ancora un goccio d’olio. Buttate la salsa nella padella con i gamberi e fate cuocere a fiamma bassa cinque minuti senza fare attaccare.

Lessate le tagliatelle per un minuto circa e buttatele nel sugo con una noce di burro e una manciata di parmigiano. Mantecate bene girando e facendo saltare energicamente il tutto. Questo passaggio “burroso” e “formaggioso” è fondamentale.

Impiattate e servite…Buon appetito…

20140721-163507-59707611.jpg

Un semplice fritto di calamari e gamberi…

Oggi voglio tentarvi con un ricetta semplice e molto gustosa…una ricetta leggermente rielaborata nella sua semplicità…chi non ama i fritti? E quanti li amano e li disgustano nella convinzione che sono troppo grassi? Ma in realtà il fritto se fatto bene “a regola d’arte” può essere davvero molto buono e non necessariamente unto e grasso…basta non esagerare…ecco la mia ricetta…

Ingredienti
Calamari
Code di gambero
Farina di grano tenero 00
Farina di semola rimacinata
Sale
Limone
Olio di semi

Preparazione
Fare scaldare abbondante olio di semi in un wok o padella capiente.

Pulite i calamari, risciacquateli sotto l’acqua e tagliateli a rondelle di circa 1
cm. Pulite i gamberi eliminando il guscio e incideteli sul dorso eliminando l’intestino interno. Mischiate le farine e infarinate i calamari e i gamberi utilizzando un colino per eliminare la farina in eccesso.

Per sapere quando l’olio è caldo mettete all’interno una mollica di pane, quando inizia a friggere l’olio è a temperatura. Quindi friggete i calamari e i gamberi per 3/4 minuti fino a duratura desiderata. Scolate bene il fritto con un ragno e mettetelo in una bacinella con della carta assorbente. Salate e spruzzate con il limone. Servite caldo.

…Buon appetito…

N.b. I gamberi preferisco metterli sgusciati a differenza di tanti che li mettono interi. La panatura mista renderà ancora più croccante il fritto…

20140709-223304-81184127.jpg

20140709-223318-81198340.jpg

20140709-223336-81216405.jpg

Involtini di pollo con bufala, gamberi, verdurine e salsina saporita…

Buongiorno a tutti…oggi voglio proporvi una ricetta molto sfiziosa nata quasi per caso…perché per me il “caso” fa grande la cucina…Certamente uno studio approfondito degli ingredienti ti permette di azzardare di più rischiando di meno e sprecando poco cibo…ma d’altra parte un appassionato di cucina che ha disposizione solo due ore al giorno per cucinare non può permettersi di studiare tutta l’evoluzione di un ingrediente, può solo intuire il suo utilizzo e sperimentare…perché tutti i classici della cucina sono nati per caso, con una fusione fortuita…il pomodoro passeggiando è caduto sulla pasta sporcando una mozzarella che era li vicino. La mozzarella infastidita è andata a piangere sulla focaccia e una foglia di basilico l’ha consolata…il pomodoro che aveva il cuore d’oro è tornato dalla mozzarella per scusarsi e gli ha detto di sdraiarsi su di lui che sarebbe stata al caldo…ma il caldo non bastava e andarono tutti in vacanza dentro un bel forno…
A volte mi piace fantasticare sul cibo e vederlo come una persona…ma poi mi ricordo che non sono un cannibale…buona giornata tutti…

Ingredienti
Petto di pollo
Pancetta affumicata affettata
Code di gambero
Mozzarella di bufala
Ricotta vaccina
Panna liquida
Burro
Pomodorini
Basilico
Prezzemolo
Rosmarino
Aglio
Olio evo
Sale
Pepe

Per il contorno
Peperoni gialli
Zucchine
Aglio
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Prendete i pomodorini e metteteli nel bicchiere del mixer con un filo d’olio e qualche granello di sale grosso. Frullate con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una salsa di pomodoro che filtrerete con un colino. Mettete in frigo per almeno mezzora.

Tagliate le zucchine e i peperoni a dadini. Preparate un trito con mezzo spicchio d’aglio. Mettete tutto in una bacinella capiente, aggiungete olio, sale e pepe. Mischiate bene utilizzando le mani.
Infornate a 180° per mezz’ora quaranta minuti, fino a che le verdure non saranno croccanti.

Pulite i petti di pollo, tagliateli a fettine e batteteli con un batticarne. Fate scottare i gamberi in un filo d’olio avvolti nella pancetta (gambero porchettato). Prendete una bacinella e metteteci all’interno la mozzarella di bufala, la ricotta, i gamberi porchettati (con il suo sughetto) tagliati in tanti piccoli pezzi e il prezzemolo tritato. Mischiate bene con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo ma non troppo duro, usate poco latte per intenerirlo se è necessario.

Ora procedete alla preparazione degli involtini. Prendete la carne e metteteci sopra il ripieno, arrotolatela e chiudete il centro e i lati con degli stuzzicadenti. Prendete una padella e fateci scottare gli involtini. Toglieteli e metteteli da parte.

Nella stessa padella dove avete scottato gli involtini aggiungete uno spicchio d’aglio, una noce di burro, poco olio, un rametto di rosmarino, due foglie di basilico e i gusci delle code di gambero. Fate tostare bene i gusci e aggiungete la panna liquida. Lasciate cuocere a fiamma bassa fino a quando la panna non si sarà addensata. Spegnete e con un colino filtrate la salsina che avrà acquisito un gusto molto deciso.

Ora concludiamo la cottura degli involtini mettendoli in forno sopra le verdure per una decina di minuti. Togliete il pollo e le verdurine dal forno e impiattate utilizzando una fondina. Mettete la salsina, sopra gli involtini e cospargete con le verdurine croccanti. Sporcate il piatto con la salsa di pomodorini fredda di frigo.

…Buon appetito…

20140706-172404-62644708.jpg

Gnocchi di patate con sugo al pesce di Mamma…

Stessi ingredienti, stessa ricetta, ma un modo di preparazione diverso…è questo che differenzia me da mia mamma…io cucino sempre al momento, lei delle volte cucina la sera prima nella convinzione che alcune pietanze si migliorino con il tempo…
Ricordo anche che abbiamo la stessa cucina, stessi utensili, stesse padelle…lei sporca due/tre cose, io almeno cento…
Con questo vi lascio alla sua ricetta…io la farei sicuramente in un altro modo…ma…ma…è buonissima anche la sua…

Ingredienti
Gnocchi di patate
Code di gambero
Calamari
Passata di datterini
Olio evo
Aglio
Sale

Preparazione
Mettete in una padella uno spicchio d’aglio diviso in due. Lasciate dorare e aggiungete i calamari puliti e tagliati a rondelle (si fa già pulire tutto dal pescivendolo, anche io tante volte…la comodità non ha prezzo). Dopo tre minuti sfumate con il vino bianco, lasciate evaporare e aggiungete salate. Aggiungete la passata di datterini e lasciate cuocere 5 minuti a fiamma bassa. Aggiungete i gamberi sgusciati e puliti e lasciate cuocere per altri 5 minuti.

Mettete in frigo per una notte e lasciate riposare fino a quando tutti i sentori del mare avranno sprigionato la loro potenza (la sto prendendo in giro).

Mettete a bollire gli gnocchi per cinque minuti in abbondante acqua salata.

Scolateli e fateli saltare nel sugo, dopo averlo scaldato naturalmente…

…Buon appetito…

20140627-132205-48125016.jpg

Pollo e gamberi al curry e soia…con riso nero insipido…

Oggi sono in ritardo con la ricetta del giorno…ogni tanto capita anche a me di non cucinare…sono riuscito a spadellare solo la sera con quell’amore della mia ragazza che a dovuto pulire tanto tanto…e mentre stavo cucinando ho fatto una riflessione, forse stupida, smielata o non so cosa, ma voglio comunque rendervene partecipi…
…per me cucinare è solo il “contorno”…quel contorno che accompagna un piatto ben più ricco…quel piatto che mi fa andare avanti ogni giorno, che mi da la forza di non mollare mai, che mi ama, a volte mi odia, che mi fa credere in me stesso e mi sprona a cercare sempre qualcosa in più …per me quello è l’unico piatto che conta, non è un antipasto, non è un primo, non è un secondo e neanche un dolce…è il mio piatto unico, che non mi stanca mai, che mangio da 26 anni ed è sempre più buono…perché quando ami qualcosa rimarrai sempre meravigliato, anche se la vedi ogni giorno…amore, odio, famiglia, parenti, amicizia, nemici, lavoro, delusioni, gioia, tristezza, felicità, rabbia, salti in alto, lacrime, suppliche, cucina e passione…sono le spezie, gli ingredienti, gli aromi che rendono ogni giorno la mia vita speciale…a volte più dolce…a volte più amara…
Ed ora godetevi la ricetta di oggi…

Ingredienti
Petto di pollo
Code di gambero
Carota
Sedano
Cipolla
Peperoncino fresco
Semola rimacinata
Panna liquida
Curry in polvere
Salsa di soia
Riso venere
Burro
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Fate bollire il riso nero in abbondante acqua non salata.

Pulite il petto di pollo, i gamberi e fateli a cubetti. Passateli nella farina di semola (togliete quella in eccesso).

Aggiungete un filo d’olio e una noce di burro in una padella. Fate un soffritto con carota, sedano, cipolla e peperoncino. Aggiungete il pollo a cubetti e i gamberi è lasciate cuocere finché non si sarà formata una crosticina croccante. Sfumate con quasi mezzo bicchiere di salsa di soia e lasciate evaporare.

Aggiungete la panna liquida dove avrete stemperato il curry in polvere (regolatevi voi, io ne uso tanto), lasciate rapprendere e spegnete.

Scolate il riso venere e disponetelo in mezzo al piatto, mettete il pollo, gamberi e sughetto tutto intorno e servite…

Un piatto orientale leggermente italianizzato…

Buon appetito

20140617-211412-76452362.jpg

20140617-211449-76489390.jpg

20140617-211449-76489152.jpg