Calamari ripieni di bufala, guanciale, parmigiano e soffritto…

Scusatemi se non ho più scritto ma ho avuto un’altra settimana infernale…finalmente ho trovato il tempo per pubblicarvi questa squisita ricetta…stasera cenetta romantica in un locale nuovo e molto intrigante…domani la recensione…buona serata a tutti…

Ingredienti per 4 persone 
16 calamari freschi medio piccoli 
250 g di mozzarella di bufala 
100 g di guanciale di maiale 
100 g di  pangrattato
120 g di parmigiano reggiano 
50 g di pane in cassetta
q.b di latte fresco 
50 g di carote 
50 g di sedano 
50 g di cipolla 
1/2 arancia 
1/2 bicchiere di vino bianco
Olio evo 
Rametto di rosmarino 
Sale 
Pepe 

Preparazione

Pulite i calamari cercando di non rompere le sacche per poterli farcire successivamente. 


Fate rosolare il guanciale in una padella senza l’aggiunta di olio. Tritate fini la carota, il sedano e la cipolla. Fateli soffriggere nella padella insieme al guanciale. Aggiungete un rametto di rosmarino e lasciate cuocere 5 minuti a fiamma bassa. Spegnete e fate raffreddare.

Mettete nel contenitore del mixer la mozzarella di bufala, il pangrattato, 100 g di parmigiano reggiano e il pane in cassetta precedentemente ammollato nel latte e poi strizzato. Frullate per pochi secondi e aggiungete il soffritto con il guanciale. Continuate a frullare fino ad ottenere un ripieno abbastanza fine ma che lasci intravvedere i pezzi del soffritto.

Prendete un sac à poche, riempitelo con il ripieno e usatelo per farcire i calamari richiudendo la sacca con uno stuzzicadenti. Poneteli in una pirofila bucherellandoli con uno stuzzicadenti in modo tale da non fare uscire il ripieno. Irrorate d’olio evo, salate, pepate, sfumate con il vino bianco e cospargete con il restante parmigiano. 

Infornate in forno ventilato già caldo a 200 gradi per 25/30 minuti.

Servite tiepidi, non bollenti.

…Buon Appetito…



Annunci

Calamaro gigante sazio di tutto…

L’altro ieri vi avevo promesso la doppia ricetta, ma non sono stato di parola perché ho avuto degli imprevisti che mi hanno impedito di cucinare e quindi di scrivere la ricetta…perché le mie ricette sono tutte in differita di massimo 6 ore (eccetto questa che è di due giorni fa). Quindi stasera voglio regalarvi una ricetta non troppo semplice ma molto gustosa. La mia filosofia di questo blog è sempre stata quella di “una ricetta al giorno toglie la fame di torno”, però penso anche che ogni tanto una piccola dieta non faccia male. Comunque vi avevo lasciato con questo calamaro gigante sazio di tutto, vi dirò all’incirca le dosi degli ingredienti, ma prendetele con le pinze e ricordatevi che ognuno deve metterci il suo tocco in cucina…comunque provateli, parola di Marino&cucino…

Ingredienti
Calamari giganti 2
Luganega di vitello 100 gr
Stracciatella vaccina 100gr
Prosciutto crudo 100 gr
Pecorino romano 30 gr
Rucola 50 gr
Prezzemolo q.b
Pangrattato q.b.
Vino bianco 1 bic.
Aglio
Peperoncino
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Pulite i calamari staccando la testa, i tentacoli e le “pinne” dal corpo. Togliete il becco ed eliminate la sacca interna con le uova e se vi piacciono mangiatele subito crude con olio e limone (deve essere freschissimo il calamaro e non sempre ci sono le uova). Sciacquate tutto bene sotto l’acqua fredda cercando di non rompere il corpo del calamaro e chi vuole può togliere anche la sua pelle violacea.

Tritate grossolanamente teste, tentacoli e “pinne”. Mettete il trito nel bicchiere del mixer e aggiungete la luganega di vitello sminuzzata (privata del budello che la ricopre), la stracciatella vaccina, il prezzemolo, il pecorino romano e la rucola. Frullate fino ad ottenne un composto colloso ( in cui si dovranno intravvedere i pezzi del calamaro) aggiungendo poco olio a filo, un pizzico di sale, qualche grano di pepe nero e il peperoncino (a vostra discrezione). Mettete in una bacinella e aggiungente il pan grattato fino a quando il composto non diventerà omogeneo e abbastanza solido…

Farcite i calamari con il ripieno utilizzando se disponibile un sac à poche oppure un cucchiaio, cospargeteli di olio e spolverateli di pecorino massaggiandoli bene. Avvolgeteli nel prosciutto crudo e metteteli in una pirofila ricoperta di alluminio. Aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco, qualche noce di burro e coprite con la stagnola. Mettete la pirofila in forno già caldo per 20 minuti a 200°, toglieteli dal forno mettete l’altra metà del vino bianco. Mettete di nuovo in forno per 20/25 minuti a 180°.

Toglieteli e fateli leggermente raffreddare. Servite con il loro sughetto al vino bianco.

…Buon appetito…

N.b. Il calamaro non è facile da cucinare perché tende spesso a diventare duro e gommoso, ma se ascoltate i miei consigli dovreste riuscirci.

20140726-141902-51542298.jpg

20140726-141925-51565890.jpg

20140726-142003-51603866.jpg

20140726-142004-51604716.jpg

20140726-142005-51605730.jpg