Un insolita piada mare e culaccia…

Eccomi tornato dalle vacanze, rilassato e con la pancia più che piena. Tanta paella, anzi troppa paella, chipirones, pata negra, sangia e naturalmente milioni di tapas. Ora finalmente posso ricominciare a cucinare, partendo da qualcosa di semplice, come una piadina, anzi, un insolita piada… Buona serata a tutti.

Ingredienti per 4 persone
4 piadine
200 g di Culaccia di Parma
100 g di insalatina verde
100 g di gamberetti in salamoia
100 g di formaggio brie
150 g di baccalà già pronto
1 limone
14 pomodori ciliegini
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Mettete in una bacinella abbastanza grande i gamberetti boreali sgocciolati e risciacquati, il baccalà spezzettato con le mani, i pomodorini tagliati a cubetti, un filo d’olio evo, una spruzzata di limone, sale e pepe.

Scaldare la piadina da entrambi i lati, aggiungente in ultimo il brie a fette e fatelo sciogliere a fiamma bassa.

Togliete la piadina dalla padella, aggiungete l’insalata verde, la Culaccia di Parma e il “ripieno di mare”.

Arrotolate il tutto e tagliate a metà prima di servire.

…Buon appetito…

IMG_1347

IMG_1344

Annunci

Pennette al baccalà, patate saltate alla pancetta, fave e parmigiano…

Una ricettina molto curiosa quella di oggi. Decisamente non proprio leggera, ma comunque da provare e poi il formaggio con il pesce sta benissimo, basta non abusarne. Buona serata a tutti.

Ingredienti
400 g di pennette
300 g di baccalà dissalato
100 g di fave surgelate
100 g di pancetta dolce
100 g di patate
20 g di parmigiano reggiano
Olio evo
Sale

Preparazione
Lessate le pennette in abbondante acqua salata e a metà cottura aggiungete le fave surgelate.

Tagliate la pancetta e le patate a cubetti piccolissimi e fate saltare con un filo d’olio in una padella per 5 minuti.

Prendete il baccalà dissalato, spezzettatelo con le mani, aggiungete alla padella con la pancetta e le patate e fate cuocere per altri 3 minuti a fiamma bassa.

Scolate le pennette con le fave al dente e mantenendo poca acqua di cottura andate ad aggiungerle al sugo. Cuocete per altri 2 minuti, spegnete la fiamma, aggiungete il parmigiano e mantecate energicamente un minuto. Servite aggiungendo a piacere un filo d’olio.

Buon Appetito

IMG_9617

IMG_9607

IMG_9609

IMG_9608

IMG_9611

Risotto ai tre cereali con baccalà profumato al timo limonato, cappuccio bianco, datterini e formaggio fresco di capra…

Non saprei se definirla un piatto invernale, primaverile o estivo, so solo che se ami il baccalà come lo amo io , questa è la ricetta giusta per te. L’idea di utilizzare il riso ai tre cereali mi è venuto guardando un contest culinario organizzato l’anno scorso da una nota casa produttrice di riso e mi è sembrata un’idea originale da provare assolutamente…baccalà, cavolo cappuccio bianco, formaggio fresco e timo limonato…buona serata a tutti.

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso ai tre cereali (riso, farro e orzo)
150 g di filetto di baccalà dissalato
100 g di formaggio fresco di capra
50 g di cavolo cappuccio bianco
1 rametto di timo limonato fresco
Olio evo
Aglio
Sale
Pepe

Preparazione
Preparate un leggero brodo vegetale utilizzando gli scarti del cavolo cappuccio bianco, due spicchi d’aglio, del sale grosso e acqua fredda. Fate bollire per 10 minuti a fiamma bassa.

Mettete a marinare in una bacinella per almeno 4 ore il filetto di baccalà dissalato con un filo d’olio evo e un rametto di timo limonato spezzettato.

Prendete una padella dai bordi alti, aggiungete un filo d’olio evo, uno spicchio d’aglio e i pomodorini tagliati a metà. Lasciate cuocere pochi minuti e con l’aiuto di una schiumarola toglieteli dalla padella lasciando all’interno formatosi.

Togliete 10 minuti prima il baccalà dal frigo e aggiungetelo nella padella di cottura dei pomodori con tutta la sua marinatura, eliminando il timo limonato e lasciate cuocere per 2 minuti. Sempre con l’auto della schiumarola togliete il baccalà lasciando all’interno tutto il sugo.

Prendete il riso ai tre cereali e fatelo tostare 2 minuti nella padella contenete il sugo dei pomodori e quello del baccalà. Non sarà necessario aggiungere grassi perchè già presenti dalle cotture precedenti.

Aggiungete poco alla volta il brodo vegetale, fino ad arrivare a cottura del riso, circa 15/16 minuti. A metà cottura ricordatevi di aggiungere il baccalà precedentemente scottato e il cavolo cappuccio bianco tagliato a strisce e privato della parte dura, che userete per il brodo.

Spegnete la fiamma, aggiungete un filo d’olio a filo e il formaggio fresco di capra. Mantecate energicamente per due minuti e coprite con un coperchio per altri due minuti.

Servite decorando con del baccalà marinato, due datterini, qualche fogliolina di timo limonato e un filo d’olio evo.

Buon Appetito

img_9037 copia

IMG_9021

IMG_9022

IMG_9023

IMG_9026

IMG_9030

Paccheri con baccalà, olive taggiasche, panna e parmigiano…

Voglia di baccalà? Credo sia un pesce che si possa usare in tante preparazioni, basta amare il suo gusto forte ed intenso. Oggi l’ho preparato con dei paccheri, qualche olive taggiasca, della panna e parmigiano. Ripeto che per me non è una bestemmia il formaggio con il pesce, anzi può essere un punto di forza, basta saperlo usare e non abusare. Ricordate i miei primi esperimenti? Fragola e gorgonzola…schifosissimo…buona serata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400 g di fusilli
200 g di baccalà già ammollato
20 olive taggiasche
20 g di parmigiano reggiano
150 ml di panna liquida
q.b. di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
10 g di Burro
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Lessate i paccheri in abbondante acqua salata.

Mettete a lessare il baccalà già ammollato in acqua bollente non salata per pochi minuti. Fatelo a pezzettini, mettetelo a rosolare in padella con un filo d’olio, il burro e uno spicchio d’aglio per pochi minuti. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare.

Aggiungete le olive taggiasche e aggiustate di sale e pepe.

Aggiungete la panna liquida, il parmigiano reggiano e lasciate ritirare la salsa. A fiamma spenta aggiungete il prezzemolo, io ne metto tanto di solito.

Scolate i paccheri al dente mantenendo poca acqua di cottura, fate saltare con la salsa e servite caldo.

Buon Appetito

IMG_8278

IMG_8269

IMG_8270

IMG_8271

IMG_8272

Fusilli al baccalà e pesto di spinaci novelli…

Avevo proprio voglia di baccalà. A tanti non piace, è molto particolare con il suo gusto forte e deciso. Ho deciso di prepararlo con un leggerissimo pesto di spinaci novelli…una favola…ma ogni tanto le provate le mie ricette? Non importa, mi piace scriverle lo stesso e andrò avanti “oltre ogni insulto”.

Ingredienti 4 persone
400 g di fusilli
200 g di baccalà già ammollato
50 g di spinaci novelli
Olio
Sale

Preparazione
Lessate i fusilli in abbondante acqua salata. Lessate il baccalà già ammollato in acqua bollente per pochi minuti. Fatelo a pezzettini, mettetelo a rosolare in padella con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio. Aggiungete il prezzemolo tritato e spegnete. Nel bicchiere di un mixer frullate con il frullatore ad immersione gli spinaci novelli, qualche granello di sale grosso aggiungendo l’olio evo a filo fino ad ottenere una salsa cremosa. Scolate la pasta al dente e fatela saltare con i fusilli mantenendo poca acqua di cottura per mantecare il tutto. Aggiungete il pesto di spinaci novelli e servite.
…Buon appetito…

IMG_4895.JPG