Locanda di mare Burro&Alici, Erbusco (Bs) – Che location!!! Buon cibo e ottime prospettive per il futuro…

Un tempo in un vecchio cascinale ristrutturato nel mezzo di Erbusco sorgeva la tanto, da me amata, Mongolfiera dei Sodi, patria della fiorentina alla brace. Ieri sera purtroppo scopriamo che ha chiuso i battenti e lasciato il posto ad una nuova gestione, quella della famiglia Torrente con la loro “locanda di mare Burro e Alici”.

Da fautori delle novità riserviamo un tavolo e ci rechiamo li a mangiare.
L’ambiente esterno è leggermente cambiato pur mantenendo la sua origine, mentre all’interno spicca un nuovo mondo fatto di colori, disegni a mano di pesci e ceramiche molto simpatiche.

Ci accomodiamo al nostro tavolo apparecchiato in maniera vivace e molto semplice e ci viene subito servito uno stuzzichino a base di mozzarella in carrozza e arancino di riso, buoni entrambi, poco unti e ottimi per aprire lo stomaco.

Ordiniamo dal simpatico menù a cartelletta due antipasti, un primo ed un secondo. Come antipasto prendiamo il baccalà in pastella e il loro omonimo piatto pane, burro e alici. Il baccalà era molto buono, porzione generosa e pastella perfetta. Il pane burro e alici era parecchio buono, avrei forse messo meno burro e più alici per non coprire troppo il sapore dell’alice che comunque rimane sublime.

Di primo prendiamo gli spaghetti di Gragnano con colatura di alici, fantastici, molto ma molto salati, ma d’altra parte questo piatto deve essere così e io l’adoro.

Di secondo arriva il fritto misto, purtroppo in questo caso la qualità non compensa la porzione ridotta del piatto, anche se credo in un errore. Il piatto mi arriva così composto: una coda di gambero, due anelli di calamari, 4 alici e qualche calamaretto spillo. Tutto molto buono, fritto alla perfezione, ma vedere i tavoli vicini ricevere lo stesso piatto con porzioni doppie mi ha dato parecchio fastidio.

Sul loro menù si scusano anticipatamente per tutti gli errori che sicuramente in questo inizio d’avventura possono aver commesso, questa cosa mi è piaciuta molto e spero che la mia critica possa essere per loro costruttiva in quanto vedo un enorme margine di miglioramento futuro.

Il servizio è stato veloce e molto professionale, forse troppo professionale in quanto un sorriso in più da parte dei camerieri potrebbe essere molto gradito ai clienti.

La domanda che uno si pone quando arriva è: “sarà corretto trasformare un’antica cascina del 600 in Franciacorta in una locanda di mare? La mia risposta è “Sì”. Di certo è uno strano abbinamento che all’inizio ti stordisce, ti fa riflettere, ma con il tempo ti apre la mente verso espressioni architetturali più evolute, più fusion.

Continuate così, migliorate e crescete che tornerò a trovarvi molto volentieri.

IMG_7694

IMG_7695

IMG_7696

IMG_7698

IMG_7699

IMG_7700

IMG_7702

IMG_7707

IMG_7705

IMG_7710

Annunci

Orecchiette broccoli, alici, code di gambero e pecorino romano…

Una ricetta semplicissima, facile e gustosa…non tutti amano i broccoli per il forte odore che rilasciano nel cuocerli, però basta acquistarli surgelati cercando tra le ottime marche a disposizione e l’odore si dimezzerà. Poi aggiungete alici sott’olio, code di gambero e pecorino…ingredienti che adoro e che mai mancheranno nella mia cucina.

Ingredienti per 4 persone
400 g di orecchiette
8 filetti di alice sott’olio
20 code di gambero
400 g di broccoli surgelati
30 g di pecorino romano
Olio evo
Burro

Preparazione
Lessate le orecchiette in abbondante acqua salata. A metà cottura aggiungete i broccoli surgelati.

Prendete le alici, tamponatele con della carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e fatele sciogliere a fuoco basso in padella con un filo d’olio.

Pulite le code di gambero eliminando il guscio e incidendoli sul dorso per togliere il filetto nero. Scottatele insieme alle alici sciolte due minuti per lato.

Scolate orecchiette e broccoli al dente e fateli saltare in padella per due minuti aggiungendo mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta.

Aggiungete il pecorino romano, una noce di burro e mantecate per 1 minuto.

Buon Appetito

2015/01/img_6794.jpg

Bigoli al burro, capperi e alici…

Una ricetta semplice e molto saporita…come mi sento io oggi…detta così sembra che non mi lavo!!!ma in realtà oggi mi sento più leggero sia di mente che di corpo…mi sento felice e amato…a volte capita di tornare bambini e lasciare tutto alle spalle anche solo per poco tempo, capita di volare e di non voler guardar giù…capita di pensare a sogni che pensavo fossero astratti ma che ora stanno per realizzarsi…buona serata a tutti…

Ingredienti
400 g di bigoli freschi
16 filettini di alici sott’olio
20 g di pangrattato
30 g di burro
Q.b. di capperi
Q.b. di prezzemolo
Olio evo
Sale

Preparazione
In una pentola fate bollire abbondante acqua salata dove a breve andrete a lessarci i bigoli. Prendete una padella e fate tostare il pangrattato con un filo d’olio, quando sarò tostato toglietelo e mischiatelo al prezzemolo utilizzando una bacinella. Nella stessa padella fate sciogliere il burro con l’aglio tritato fine e aggiungete le acciughe eliminando il loro olio. Fate cuocere a fiamma bassa e quando si saranno sciolte aggiungete i capperi. Ora lessate i bigoli nell’acqua precedentemente portata a ebollizione e quando mancano all’incirca due minuti al termine della cottura scolateli e trasferiteli nella padella con il sugo di burro, alici e capperi unendo anche un mestolo di acqua di cottura. Completate la ricetta aggiungendo il pangrattato tostato e il prezzemolo mantecando il tutto per due minuti.
Buon appetito

IMG_4729.JPG