Alette di pollo dolciastre e croccanti…

Oggi vi preparo delle super, croccanti e dolciastre alette di pollo… Una preparazione semplice e molto…ripeto…molto gustosa… Adorate le alette?? Questa è la ricetta giusta per voi…provatela mi raccomando…

Ingredienti per 4 persone
800 g di alette di pollo
600 g di patate
1/2 bicchiere di vino
2 cucchiai di miele d’acacia
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano
1 cucchiaio di pangrattato
2 rametti di rosmarino
4 foglie di salvia
1/2 spicchio d’aglio
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Preparate la marinata mettendo in una bacinella il miele, il vino bianco, un pizzico di sale ed un trito di rosmarino, salvia e aglio. Mescolate bene e mettete da parte.

Pulite le alette e dividetele a metà. Mettetele a marinare nella marinata al miele e vino e lasciate riposare in frigo per almeno 1 ora.

Tagliate le patate a rondelle e fatele saltare in una padella con una noce di burro ed un filo d’olio per 5 minuti. Salate, pepate, spegnete la fiamma e disponetele su di una teglia senza sovrapporle.

Prendete le alette e impannatele leggermente in un mix di pangrattato e Parmigiano Reggiano. Mettete la griglia del forno sopra la teglia con le patate e disponeteci sopra le alette.

Mettete sopra tutto un filo d’olio evo, poco sale grosso e pepe.

Infornate in forno già caldo per 40 minuti a 180°, girando le alette a metà cottura. Quando saranno dorate e leggermente bruciacchiate potrete toglierle e servirle.

…Buon Appetito…

   
  

  
  

  

  

  

 

  

Annunci

Spago, scoglio e cartoccio…

Buon sabato a tutti…ero in partenza per il concerto di Madonna, ma guardando i biglietti mi sono accorto che è domani!!!…Quindi adesso ho tempo per scrivere la mia ricetta di ieri sera, sapete, era da tanto che non preparavo qualcosa di davvero sfizioso, quindi ieri mi sono recato in pescheria ed ho acquisto tante cose buone…gamberi, calamari, canocchie, vongole e cozze. Naturalmente sono stato sul classico…spaghetti scoglio…ma ho cambiato alcune cotture per cercare di valorizzare di più i sapori. Buon pomeriggio a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400 g di spaghettoni
300 g di vongole veraci
300 g di cozze spagnole
300 g di code di gambero
300 g di calamari piccoli freschi
300 g di canocchie
14 pomodorini ciglioni
2 spicchi d’aglio
1 patata piccola
1 rametto di rosmarino
1 foglia di salvia
Olio evo
Burro
Sale
Pepe

Preparazione
Raschia le cozze con un coltellino, elimina il bisso (il gruppo di filamenti che fuoriesce), tirandolo con le dita, e lavale più volte in acqua fredda corrente. Lava e metti a bagno le vongole per farle spurgare dalla sabbia.

Metti un filo d’olio in una padella, l’aglio schiacciato e unisci i molluschi sgocciolati. Copri e lasciale aprire a fuoco vivo per circa 2-3 minuti, scuotendo ogni tanto la padella. Sguscia 2/3 dei molluschi e filtra il sugo di cottura con il colino.

Pulite le canocchie separando il corpo dalla testa, tagliatele a metà conservandone 4 per la decorazione. Pulite le code di gambero eliminando il guscio e incidendoli sul dorso per togliere il filetto nero. Pulite i calamari eliminando la sacca con le uova ed il becco tenendo i ciuffi. Incideteli a metà lungo il dorso e poi di nuovo trasversalmente.

Mettete le teste delle canocchie e i gusci delle code di gambero in un padellino. Aggiungete le patata sbucciata fatta a brunoise e il liquido delle vongole e cozze. Fate ritirare il brodo a fiamma bassa.

Mettete un filo d’olio e una noce di burro in una padella, l’aglio tritato fine e fateci rosolare pochi minuti per lato i gamberi e le canocchie.Salate, pepate, sfumate con il vino bianco lasciate evaporare .

Prima che il sughetto sia evaporato, togliete i crostacei con una schiumarola dalla padella, aggiungete i calamari e fateli cuocere 2/3 minuti. Aggiungete i pomodorini incisi a croce sulla parte superiore e nuovamente i crostacei. Cuocete il tutto 3 minuti aggiungendo il brodo preparato prima, rosmarino e salvia (poco solo per insaporire). In ultimo aggiungete le vongole e le cozze.

Lessate gli spaghettoni in abbondante acqua poco salata. Scolateli a metà cottura, fateli saltare con il sugo allo scoglio per 2 minuti e chiudeteli nella carta forno e poi stagnola (togliete le spezie).

Infornate in forno già caldo a 200° per 10 minuti. Quando saranno pronti, togliete dal forno il cartoccio e servite direttamente nel piatto versando a filo un goccio d’olio evo normale o piccante,

…Buon Appetito…

IMG_1793-0

IMG_1768-1

IMG_1769-0

IMG_1775-0

IMG_1784-1

IMG_1786-0

IMG_1772-0

IMG_1773-0

IMG_1779

IMG_1780

IMG_1791

IMG_1797

La baccana, Valmozzola (Pr) – Torta fritta, salumi e scorpacciata di porcini…

Finalmente posso tornare a dire:”…Buongiorno a tutti…”””, perché purtroppo è da tanto che non vi scrivo più, causa lavoro e piccola dieta (scherzo). Spero a breve di tornare a rimpinzarvi di idee e ricette…

Intanto voglio parlarvi di un posto fantastico in cui sono capitato a pranzo qualche settimana fa, un posto isolato dal mondo ed immerso nei colori più vivi dell’autunno.

Siamo a Valmozzola in provincia di Parma, un luogo immerso in verdeggianti colline e dolci valli. Girando in lungo e in largo, per lavoro, siamo stati ospitati dai nostri clienti presso l’agriturismo “la Baccana”, un posto molto rustico e piacevole da vedere.

Appena si entra, in questa cascina che era un tempo adibita a stalla, si è pervasi da piacevoli profumi derivanti dalla cucina, il che lascia a presagire ad un esperienza culinaria con i fiocchi.

Ci accomodiamo e lasciamo fare alla proprietaria nonché chef del “Baccana” che ci propina un super menù a base di funghi porcini.

Salumi tipici, torta fritta, pasta fresca, funghi crudi, funghi trifolati e funghi fritti…

Posso solo dirvi che tutto era ottimo e tutti i sapori erano distinti ed esplodevano in bocca ad ogni morso…ora vi lascio alle foto perché in questo caso parlano più dei testi.

Assolutamente da provare…assolutamente tutto fatto in casa…assolutamente con LODE…

Patata, non la solita al forno…

Oggi vi propongo una ricetta che oserei definire strepitosa, scopiazzata di qua e di là, ma che mantiene pur sempre il mio solito stile culinario. Seguite passo a passo la ricetta e ne rimarrete stupiti… Buona serata a tutti…

Ingredienti per 4 persone
1 kg di patate (4 grandi)
50 g pecorino sardo
50 g parmigiano reggiano
1 rametto di rosmarino
4 foglie grosse di salvia
1 rametto di tmo
1/2 spicchio d’aglio
20 g di Burro
Olio evo
Sale
Pepe

Preparazione
Lavate bene le patate sotto l’acqua fredda corrente e infilatele una alla volta su uno stuzzicadenti a circa un 1 cm dalla base. Con un coltello incidete le patate e create delle fette sottili che non si taglieranno del tutto grazie allo stuzzicadenti che fa da base.

Preparate il ripieno mettendo in una bacinella il pecorino sardo grattugiato, il parmigiano reggiano, un pizzico di sale e pepe ed il trito aromatico di rosmarino, salvia, timo e aglio.

Mescolate bene e andate a farcire le patate inserendo il ripieno con delicatezza all’interno delle fette.

Mettete su una placca da forno, aggiungete sopra le patate il ripieno avanzato, una noce di burro e irrorate con l’olivo evo.

Preriscaldate il forno a 180° e infornate per 50/50 minuti. Lasciate raffreddare 5 minuti e servite.

…Buon Appetito…

  
    
    
 

Calamaretti alla piastra marinati con aceto balsamico, limone e spezie…

Calamari, piccoli e freschi, direi semplicemente calamaretti…ecco cosa ho trovato oggi in pescheria. Ho pensato a lungo come prepararli e alla fine ho deciso di farli alla piastra, naturalmente dopo una bella e succulente marinatura. Buon weekend a tutti…

Ingredienti per 4 persone
800 g di calamaretti
5 cucchiaini d’aceto balsamico
1 rametto di rosmarino
4 foglie di salvia
1 limone
1 spicchio d’aglio
Olio evo
Sale affumicato o normale
Pepe in grani

Preparazione
Pulite i calamaretti eliminando la sacca con le uova ed il becco. Fate dei piccoli tagli lungo il dorso senza romperli e mettete da parte le teste che useremo per altre preparazioni.

Prendete una bacinella, metteteci i calamaretti, il rosmarino, la salvia a julienne, una spruzzata di limone, 1 spicchio d’aglio tritato fine, l’aceto balsamico, abbondante olio evo, poco pepe in grani e un pizzico di sale affumicato. Mescolate bene facendo amalgamare tutti gli ingredienti e mettete in frigo per almeno 2 ore.

Togliete i calamaretti marinati dal frigo 10 minuti prima di cucinarli. Scaldate bene una piastra e fateci cuocere i calamaretti, insieme a metà della marinata, girandoli in continuazione per evitare che diventino duri e gommosi. Procedete la cottura per 8 minuti massimo e servite aggiungendo un filo d’olio evo.

…Buon Appetito…

IMG_1371

IMG_1353

IMG_1359

IMG_1361

IMG_1363

IMG_1365

Risotto con tartufo nero estivo e battuta di scampi mantecato con burratina ed olio extravergine al tartufo bianco d’alba…

Buona domenica a tutti, oggi partiamo alla grande con una delle mie specialità, i risotti. Questa ricetta non è tra le più economiche, ma neanche tra le più costose. Sentendo la parola tartufi, molte persone, arricciano il naso, non sapendo che esistono diversi tipi di tartufi e non tutti sono costosissimi. Se comunque ritenete il prezzo troppo alto, potete sempre optare su degli ottimi oli e burri tartufati in commercio, come ho fatto io in questa ricetta. Quindi mano ai fornelli e prepariamo questo fantastico risotto.

Ingredienti per 4 persone
400 g di riso carnaroli
8 scampi grandi freschi
100 g di burratina pugliese
50 g di tartufo nero estivo
50 ml di olio evo al tartufo bianco d’Alba
1/2 bicchiere di vino bianco
Aglio
Sale

Preparazione
Pulite gli scampi eliminando testa e guscio. Batteteli a coltello finemente, metteteli in una bacinella con un due cucchiaini d’olio evo al tartufo bianco d’Alba e fateli marinare in frigo per 10 minuti.

Preparate un leggero brodo di crostacei mettendo in una pentola colma d’acqua gli scarti degli scampi, l’aglio, poco sale grosso e un filo d’olio evo. Fate cuocere 30 minuti circa a fiamma bassissima.

Tagliate la metà dei tartufi neri estivi a rondelle e fateli soffriggere in 4 cucchiai d’olio evo con uno spicchio d’aglio. Quando saranno croccanti toglieteli dalla padella insieme all’aglio e sfumate l’intingolo rimasto in padella con il vino bianco stando attenti agli schizzi.

Quando il vino sarà sfumato quasi del tutto, fateci tostare il riso per 2 minuti. Quando sarà ben tostato sfumate con il brodo di crostacei e terminate la cottura continuando a versarne poco alla volta e mescolando bene.

Verso la fine della cottura aggiungete i tartufi precedentemente soffritti e mescolate bene.

Quando il riso sarà cotto, aggiungete la burratina spezzettata grossolanamente e mantecate per due minuti energicamente, aggiungendo a filo il restante olio evo al tartufo bianco d’Alba. Coprite il riso con un coperchio e lasciate riposare per altri due minuti.

Mettetete il risotto su di un piatto, sopra la battuta di scampi e infine una grattugiata di tartufo nero estivo.

…Buon Appetito…

IMG_0721

IMG_0697

IMG_0698

IMG_0700

IMG_0703

IMG_0705

IMG_0708

IMG_0710

IMG_0714

IMG_0716

Penne con crema di pecorino sardo allo zafferano e cubetti di pancetta croccante…

Eccomi tornato con un’altra sfiziosa e semplice ricetta, oggi prepareremo delle penne rigate con una salsina di pecorino sardo e zafferano con l’aggiunta di pancetta croccante alla fine…che ne dite? Vi garba? Buon weekend a tutti…

Ingredienti per 4 persone
400 g di penne rigate
100 g di pancetta dolce
100 g di pecorino sardo grattugiato
2 bustine di zafferano
20 g di burro
Olio
Sale
Pepe

Preparazione
Lessate le penne in abbondante acqua salata.

Fate soffriggere la pancetta senza aggiunta di grassi in una padella. Quanto sarà croccante spegnete la fiamma e mettere da parte.

Fate sciogliere in un’altra padella a fiamma bassissima il pecorino sardo con una noce di burro aggiungendo poca acqua di cottura della pasta fino ad ottenere una salsa cremosa.

Aggiungete lo zafferano, la pancetta croccante e lasciate cuocere a fiamma bassa per pochi minuti.

Scolate la pasta al dente, circa 4 minuti prima e terminate la cottura in padella con la salsa aggiungendo all’incirca un mestolo della sua acqua di cottura.

Quando la pasta sarà cotta, servite spolverando i piatti con altro pecorino sardo a piacere.

…Buon Appetito…